Follow Us

6/30/2016

Elementi da indicare, errori da evitare e nuova comunicazione bancaria al Fisco: ecco la corretta procedura sui bonifici per i lavori di ristrutturazione, esaminata caso per caso.

Il soggetto che effettua lavori di ristrutturazione edilizia, recupero e risanamento conservativo sull’immobile può fruire di una detrazione fiscale del 50% per tutti gli interventi realizzati fino al 31 dicembre 2014, con limite di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare. Dal 2015 il bonus scende al 40% per poi assestarsi al 36% dal 1 gennaio 2016 con limite di 48.000 euro per unità. Per fruire del Bonus IRPEF è necessario pagare i lavori con bonifico bancario o postale, in cui devono essere indicati:

  • causale di versamento (normativa di riferimento “articolo 16-bis del Dpr 917/1986”)

  • codice fiscale del soggetto che paga

  • codice fiscale o Partita Iva del beneficiario del pagamento.

Le spese come i diritti pagati per concessioni, gli oneri di urbanizzazione, le aut...

5/28/2014

Sono agevolabili gli interventi di riqualificazione energetica sugli immobili strumentali delle imprese: lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la circolare 11/E/2014.

Riqualificazione energetica degli immobili strumentali

Il Fisco ha ricordato che gli interventi di efficientamento energetico degli immobili godono di una detrazione del 65% fino al 31 dicembre 2014, che scenderà al 50% per tutto il 2015 e poi passerà al 36%.

Fin dal momento della sua istituzione con la Finanziaria 2007, il DM 19 febbraio 2007 ha definito le modalità per usufruire del bonus e i soggetti ammessi. Rientrano tra questi le persone fisiche, gli esercenti arti e professioni e i soggetti titolari di redditi di impresa che sostengono le spese per gli interventi di riqualificazione energetica.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, a differenza del Bonus sulle ristrutturazioni, che spetta solo per interventi effettuati sugli edifici residenziali, la detrazione fiscale per l’efficientamento energetico interessa...

5/27/2014

Per quanto riguarda il Bonus Mobili, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che normalmente non può beneficiare della detrazione chi effettua la riqualificazione energetica dell’edificio. La situazione cambia però se l’intervento rientra tra i lavori di manutenzione straordinaria.

Rientrano in questo ambito i lavori effettuati sugli impianti tecnologici, come la sostituzione di alcune componenti per ottenere un risparmio di energia.

In base al Testo Unico dell’edilizia, infatti, per interventi di manutenzione straordinaria si intendono le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici e per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici. In ogni caso è necessario non alterare i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non modificarne le destinazioni d’uso.

In altre parole, ha sintetizzato il Fisco, la manutenzione straordinaria si riferisce ad interventi, anche di carattere innovativo, di natura edilizia ed i...

Please reload

Search By Tags
Archive
Please reload

Argomenti Trattati
Post Precedenti

Green Blog di Ecoabito.it

Visita anche il nostro sito per consulenze e valutazioni professionali

September 12, 2016

Please reload

 Consulenze gratuite

il venerdi pomeriggio previo appuntamento per ristrutturazioni energetiche o interventi edilizi.

-------

Consulenza

gratuita

On-line

Valutazione

investimento energetico